Intervista dal direttore al Petit Journal de Rome

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

L'impatto del Coronavirus sull'Istituto

Il Sig. Bonnet, direttore dell’Istituto Internazionale Saint-Dominique, ha accettato di rispondere alle domande del “Petit Journal de Rome”.

Scoprite l’intervista sul sito web del Petit Journal de Rome o qui di seguito.
Karine Gauthey
Direttrice, Le Petit Journal de Rome
L’interruzione dell’attività didattica negli istituti scolastici in Italia obbliga l’Istituto Internazionale Saint-Dominique ad organizzare, per il momento, un proseguimento dell’attività pedagogica a distanza, secondo le direttive del governo italiano e dell’AEFE, che raccomanda di evitare l’interruzione del legame tra l’équipe pedagogica e gli alunni.
Benoît Bonnet, direttore dell’Istituto ha accettato di rispondere alle domande del Petit Journal de Rome.

1) Quali misure sono state prese dall’istituto per garantire la continuità delle lezioni ?

I responsabili di ciclo coordinano il lavoro degli insegnanti principali e degli alunni per assicurare la continuità pedagogica. Martedì 10 marzo 2020, secondo l’ordine di passaggio stabilito, una persona a famiglia è stata autorizzata a venire all’Istituto per recuperare il materiale pedagogico lasciato in classe. La direzione intende fare il possibile per permettere la continuità anche a distanza degli consigli di classe, delle riunioni di cicli, dell’orario delle lezioni. Ad ogni modo, voglio ringraziare l’equipe pedagogica ed amministrativa per la propria reattività e la sua professionalità.
 

2) Come reagiscono i genitori o gli alunni rispetto a queste misure ?

Genitori e alunni hanno mostrato un grande interesse per queste misure ma temono, a ragione, che la situazione peggiora mettendo molto in dubbio i risultati. Si interrogano sulle modalità con le quali verrano superati gli esami.
 

3) Pensa che queste disposizioni avranno un impatto sull’esame finale ?

Non abbiamo ancora ricevuto informazioni ufficiali. Capisco quanto sia difficile per i genitori conciliare vita di famiglia e attività professionale per circa un mese. 

A questo proposito il direttore vuole essere rassicurante : “Infine, dal mio punto di vista, credo che questo periodo deve essere vissuto come un’esperienza positiva. Mi spiego : stiamo verificando la nostra reattività in tempo reale di fronte a un evento unico e particolarmente ansiogeno (corsi ? esami ? salute ?). Gli alunni devono dimostrare la loro capacità di studiare con maggiore autonomia e di trattare le informazioni in maniera adeguata ed organizzata. Gli insegnanti hanno l’opportunità, anche indirettamente, di lavorare in modo diverso con pratiche pedagogiche originali nate dall’improvvisazione che accompagna per forza una tale perturbazione ;

Deploriamo di aver dovuto rinviare o cancellare belli eventi (frutti di un lungo lavoro) come il colloquio “Francofonia e biodiversità” o l’Udienza Papale il 1° aprile. La vita va avanti, diversamente ma serenamente, in contatto diretto con le autorità locali e istituzionali.”
 
Le Petit Journal de Rome rigrazia il Sig. Bonnet per la sua reattività e la sua disponibilità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Laissez un commentaire via Facebook
Consultando questo sito accetti l'utilizzo dei "cookie". Cliccando su un qualsiasi link del sito si accetta implicitamente l'utilizzo dei cookie. Saperne di più